Gianni Biondillo: un libro deve lasciare un graffio