Sono malato di romanticismo- Intervista a Matteo Strukul