Saggio su Jean-Claude Izzo – 3.1 Marsiglia: il mondo è di chi lo vive