Siamo ottimisti: per questo leggiamo noir