Uno in meno: cosa c’è dietro?