Ogni storia ha la sua lingua. Intervista a Mirko Zilahy