Bj÷rn Larsson

Bj÷rn Larsson, nato nel 1953, scrittore, traduttore, filologo, critico e appassionato navigatore Ŕ tra i pi¨ noti scrittori della letteratura scandinava contemporanea.

Da ragazzo voleva fare il geologo, poi ha optato per lo studio della letteratura francese recandosi in Francia a studiare con l’intento di vivere il romanticismo povero e infelice e provare l’esperienza di scrivere nei caffŔ. Era molto timido e per i primi tre mesi non aveva parlato con nessuno.

Insegna letteratura francese all’UniversitÓ di Lund in Svezia e vive tra la Danimarca, Gilleleje, vicino al mare e Helsinborg, in Svezia, a mezz’ora di treno da Lund, dove ha un piccolo appartamento lontano dall’ambiente universitario per quando di trattiene in Svezia. Spesso vive anche a bordo della sua barca a vela Rustica.

Nel mese di aprile 2007 Ŕ stato pubblicato il volume “Scrittori in Puglia” realizzato dal Premio Grinzane Cavour d’intesa con l’assessorato a Mediterraneo della Regione Puglia al quale Bj÷rn Larsson ha contribuito con un racconto ambientato nel Salento soggiornandovi nel febbraio 2004.

Durante lo stesso soggiorno ha scritto in francese anche buona parte del libro “Il bisogno di libertÓ” recentemente pubblicato da Iperborea.

In italiano sono stati tradotti anche “La vera storia del pirata Long John Silver”, “Il cerchio celtico”, “Il porto dei sogni incrociati”, “L’occhio del male”, “La saggezza del mare”, “Il segreto di Inga” tutti pubblicati da Iperborea.

Bj÷rn Larsson parla correntemente diverse lingue, svedese, italiano, francese, spagnolo, inglese, tedesco, danese che ha imparato per entrare meglio in contatto con le persone che incontra durante i suoi vari viaggi e per poter interagire con i suoi lettori. Per ogni lingua ha cercato di acquisirne anche la gestualitÓ. Per lui l’idea del viaggio Ŕ fermarsi a lungo in un luogo, non partire per ritornare.

Scrive per darsi una libertÓ di vita e per aiutare i lettori a essere pi¨ liberi. Si meraviglia dell’interesse del lettore verso la persona dello scrittore, perchŔ pensa sia difficile comunicare in pochi minuti quanto ha richiesto un paio d’anni per diventare libro.

Ha appena terminato un libro di racconti che si chiama “La gioia della scoperta”, non ha ancora iniziato un nuovo libro e sta riposandosi e ricaricando le batterie.

Il libro (di un altro) che avresti voluto scrivere e il libro (tuo) che NON avresti voluto scrivere.

Don Quijote de la Mancha di Miguel de Cervantes (nota: lo ha letto in spagnolo), non ho ancora scritto un libro che non avrei voluto scrivere

Sei uno scrittore di genere o scrittore tout court, perchÚ?

Non sono uno scrittore di genere perchŔ ogni mio libro Ŕ diverso e deve essere diverso.

Un sempreverde (libro) da tenere sul comodino, una canzone da ascoltare sempre, un film da riguardare.

I saggi di Michel de Montaigne, un CD di Van Morrison, Poetic Champion Compose, un film di Akira Kurosawa, Dersu Uzala

Si pu˛ vivere di sola scrittura oggi?

Potrei ma non lo desidero perchŔ la scrittura diventerebbe un obbligo per guadagnare soldi.

Favorevole o contrario alle scuole di scrittura creativa? PerchŔ?

Sono favorevole perchŔ all’universitÓ di Lund ho creato una scuola di scrittura che dura due anni e termina con la preparazione di un libro per sostenere l’esame. Tutte le altre arti hanno una scuola, perchŔ non dovrebbe averla anche la scrittura?

E’ mai stata realizzata la trasposizione cinematografica di un tuo libro?

Finora ci sono stati progetti ma non sono stati trovati i soldi per realizzarli.

ambretta sampietro

Potrebbero interessarti anche...