Teresa Papavero e la maledizione di Strangolagalli