Nemmeno Dio



Claudio Gianini
Nemmeno Dio
Edizioni Clandestine
Compralo su Compralo su Amazon

Il romanzo di Claudio Gianini fa selezione immediata dei lettori, Ŕ un libro difficile e coraggioso che pretende attenzione e disponibilitÓ a farsi trasportare in una terra di confine narrativo sospeso tra contingenze umane e mondo soprannaturale.
Marco Trevis, tormentato colonnello a capo di un reparto speciale, redige un diario esistenziale che si distacca nettamente dalle consuete e a volte un p˛ abusate schermaglie tra banditi e tutori della legge.
Una Milano grigia e piovosa, quasi uno specchio fedele dell’animo del protagonista, ospita una storia a tinte forti, caratterizzata da oscuri presagi, misteri inspiegabili che hanno a che fare con un mondo fantascientifico dominato da forze superiori e aliene che tiranneggiano il genere umano.
L’autore ha probabilmente cercato di trasporre un’angoscia tangibile dei nostri anni e un senso di disorientamento culturale e ideologico, nell’idea che un gioco divino e imperscrutabile manovri le nostre vite , prive ormai di senso e prospettive future.
Trevis Ŕ un uomo solo, spiritualmente allo sbando, che si riconosce ormai solamente nel ruolo che professionalmente ricopre, dando ordine e consequenzialitÓ alla sua vita spezzata, impossibile da interrompere eppure cosý difficile da far scorrere.
Cadaveri di personalitÓ eccellenti, accomunate dall’anno e dal mese di nascita, vengono ritrovati con cadenza impressionante decapitati o con il cranio forato.
Questi pochi elementi daranno l’avvio ad un indagine strana, priva di reali successi, creando nel lettore una morsa intellettuale che non si allenterÓ nemmeno quando si diraderanno le nebbie del mistero.
Nessun progresso investigativo per il quale gioire, nessun eroe buono per il quale parteggiare, una spessa coltre di angoscia copre ogni azione umana vanificandone impegno e tempestivitÓ
Il personaggio di Marco Ŕ delineato con cura, senza tralasciare nessuno dei suoi incubi ricorrenti, scandagliandone con ossessiva luciditÓ ogni antro esistenziale, perchŔ il lettore entri nel suo mondo e nella sua attivitÓ, una situazione immobile la sua, senza speranza, senza amore, e soprattutto senza consolazione.
Attorno al protagonista un mondo inospitale, privo di sentimenti veri e di scrupoli; anche le protagonisti femminili si bruciano sulla fiamma viva dei rimpianti e delle fragilitÓ di Marco, assumendo un ruolo di spalla che esalta la solitudine e il destino crudele del protagonista.
Cenni di fantascienza e accurate ricerche scientifiche rendono metallica la narrazione, e soprattutto danno credibilitÓ ad una storia che se raccontata con leggerezza sarebbe scaduta nell’inganno malevolo e ruffiano al lettore.
Una domanda esistenziale fondamentale ricorre per tutto il romanzo: fino a dove Ŕ consentito arrivare alla scienza?
Quali sono i limiti etici e morali accettabili perchŔ la natura non si ribelli al nostro delirio di conoscenza?
Marco Trevis ha assoluta dimestichezza con i limiti, soprattutto con quelli della sofferenza, perchŔ la vita lo ha costretto a sopportare giorni cupi e disperati.
La scienza potrÓ clonare, modificare, fortificare la razza umana o cancellarla, ma l’autore avanza una velata riserva sul fatto che possa nei fatti metterla al riparo dall’imprevisto dell’imperfezione, che potrÓ essere di natura tecnica, chimica o, molto probabilmente soltanto emotiva.
Un libro interessante e originale, molto cupo, e fortemente interlocutorio.

Alessandra Anzivino

Potrebbero interessarti anche...