Signoria



jaume cabrÚ
Signoria
la nuova frontiera
Compralo su Compralo su Amazon

Barcellona, 1799. Una cantante d’opera viene uccisa a coltellate ed il giovane Arnau, musicista di belle speranze che per ultimo si era appartato con lei viene arrestato immediatamente e condannato. Insomma, tutto sembra risolto per il giudice Mass˛, parvenu della nobiltÓ con la passione dell’astronomia ed una meno astratta passione per la bellissima Gaietana. Eppure, mentre la cittÓ si prepara a celebrare il nuovo secolo, ogni cosa precipita attorno al giudice, trascinandolo alla rovina.

Il libro risale al 1991 ed Ŕ edito in Italia solo ora, grazie alla notorietÓ acquisita dallĺautore per lo splendido La Voce del Fiume. Non Ŕ un giallo, anche se il risvolto di copertina lo spaccia come tale: le morti sono meri accidenti della narrazione, non certo il fulcro. Ci˛ che interessa all’autore Ŕ raccontare come la societÓ degli uomini provoca la distruzione dell’individuo, fisica quella di Arnau, morale quella di Mass˛.
Da bravo spagnolo, CabrŔ non risparmia ai suoi personaggi le torture ed al lettore la cupissima descrizione della prigionia, ma il libro – per chi ha lo stomaco di sopportare una storia che trasuda disperazione ed in cui tutto ľ tutto! – va a finire male – Ŕ semplicemente bellissimo e profondamente umano.

Bellissima la finezza con cui sono tratteggiati i personaggi nella loro complessitÓ, bellissima l’accuratezza con cui viene reso il periodo storico, bellissima la descrizione dell’alta societÓ barcellonese, bellissima l’incomunicabilitÓ fra il protagonista e la moglie Marianna, intrisa di una religiositÓ quasi fanatica che Ŕ pi¨ di natura sociale che spirituale. Indimenticabile infine la pietas che l’autore riesce ad ispirare nei confronti del protagonista, per quanto orribili siano le sue azioni.

Insomma, un libro che, per quanto richieda un certo coraggio, merita senz’altro di essere letto. E con questa recensione, colgo l’occasione di invitare chiunque a leggere La Voce del Fiume uno dei romanzi spagnoli pi¨ belli degli ultimi anni.

donatella capizzi

Potrebbero interessarti anche...